Menu

MUFFE DELLE PARETI

muffe sulle pareti Le muffe rappresentano in molte zone del nostro paese un problema importante, le condizioni climatiche e quelle strutturali delle abitazioni possono facilitare il loro sviluppo. Benchè si conoscano almeno 80 specie di muffe che possono insediarsi in ambienti indoor, la più nota è ovviamente la muffa nera (Stachybotrys chartarum) nota anche come “muffa tossica”. Produce, infatti la satratossina-H, una micotossina nociva sia per gli esseri umani che per gli animali, che cagiona una malattia conosciuta sotto il nome di Stachybotrotossicosi.
Si è valutato in Europa (fonte OMS summary report) che fino a 50 ricoveri ospedalieri ogni 100.000 abitanti sono dovuti a sintomi di asma causata da esposizione alle muffe. Sebbene le muffe, che appartengono alla larga famiglia dei funghi, siano organismi naturali essenziali alla vita e per molti prodotti di uso comune (formaggi, yogurt, penicillina ed una quantità di cose che diamo quotidianamente per scontate) la loro proliferazione nell’ambiente domestico finisce per essere dannosa per la salute e per i materiali della nostra casa.
Le muffe, dopo gli insetti xilofagi (i tarli ed affini) sono la seconda causa del decadimento strutturale del legno. In particolare le muffe brune (che si cibano della cellulosa del legno) e quelle bianche possono attaccare in profondità il legno rendendolo fragile o molle.
Sebbene le muffe nere siano quelle più comunemente conosciute, non sono quelle più frequenti; nell’aria degli ambienti indoor possiamo trovare muffe note con i seguenti nomi: Aspergillus, Penicillium, Ascospore, Basidiospore, Cladosporium e Curvularia che possono produrre micotossine e tossine. Alcuni tipi di muffe possono crescere in zone anche estese senza emettere tossine, ma possono essere disturbate da variazioni di temperatura od umidità, iniziando ad emettere micotossine sottoforma di spore tossiche o gas.

muffe del legno Le muffe hanno necessità di alcune condizioni per la loro crescita, che è bene conoscere per poter valutare le situazioni all’interno della nostra casa:
Umidità: che può essere dovuta a situazioni di condensa, perdite o allagamenti. Una umidità dell’aria superiore al 50% è la condizione migliore per lo sviluppo delle spore.
Supporti da cui traggono alimento: il legno, la carta, i tessuti, la pelle, gli alimenti o le polveri.
Temperatura: le temperature elevate, come quelle che si raggiungono nella stagione estiva sono le più favorevoli. Si è osservato che temperature intorno ai 30-40°C sono le piu favorevoli, ma basse temperature non uccidono le muffe che vanno semplicemente in condizioni di letargo.

Vedi i risultati certificati della nostra lotta contro le muffe cliccando qui

Per dirla senza mezzi termini, se avete sviluppo di muffa visibile nella vostra casa, è necessario rimuoverla. Che la muffa sia bianca, nera o verde è sempre muffa che a un certo punto può produrre spore o gas con effetti negativi sulla salute delle persone e degli animali. I comuni prodotti per eliminare le muffe sono generalmente costituiti da biocidi, cioè veleni che in molti casi sono costituiti da sostanze organiche più o meno volatili. Questo significa che nel tempo possono sparire dal supporto e quindi devono essere rinnovati periodicamente. Inoltre molti biocidi hanno una loro tossicità per l’uomo e l’ambiente (possono essere classificati tossici/nocivi o tra i distruttori del sistema endocrino).


PROCEDURA DI APPLICAZIONE DELLA “SOLUZIONE CANADESE” SULLE MURATURE
Preparazione del supporto: La Soluzione Canadese ha bisogno di un supporto in grado di assorbire acqua per poter funzionare correttamente. Su pareti con vecchie pitture è sufficiente verificare l’assorbimento schizzettando dell’acqua sulla superficie; se questa viene assorbita non ci sono problemi. Se invece la superficie non si bagna ma le gocce scivolano dalla superficie è allora necessario riridurre il vecchio strato di pittura. Una volta verificato lo stato del supporto possiamo procedere alla applicazione del nostro prodotto che deve essere diluito 1:1 con acqua.

Applicazione: Se sono presenti muffe nere non spazzolarle prima di applicare la soluzione poiché non faremo altro che spargere e respirare le spore. Si impregna la parete con il prodotto diluito utilizzando un rullo a fibra corta, facendo attenzione a non lasciare zone asciutte. E’ buona norma trattare tutte le pareti ed il soffitto dell’ambiente attaccato anche parzialmente da muffe. Una volta impregnata la parete non resta che attendere l’evaporazione dell’acqua. Le muffe non vengono decolorate completamente ma noteremo il loro ingrigimento. A questo punto le muffe sono neutralizzate completamente e possiamo procedere con una o due mani di pittura (si possono utilizzare tutte le nostre pitture come la supertraspirante luminosa> o la lavabile e traspirante Splendida, oppure la pittura Seta avendo cura di aggiungere un bicchiere di Soluzione canadese (c.ca 200 ml) ogni latta da 14 litri ed è fatto! Le muffe non torneranno ed avremo un ambiente senza odori, senza muffe e senza sostanze di origine petrolifera.

muffe del legno

APPLICAZIONE DELLA SOLUZIONE CANADESE SU LEGNO
Verificare lo stato del supporto e diluire il prodotto come indicato precedentemente nella descrizione dei supporti in muratura. Se la muffa del legno ha aggredito il supporto in profondità non spazzolarla via, per pulire il legno da muffe ed incrostazioni di sporco bagnare bene il supporto con Sapone Forte, lasciarlo agire per c.ca 15-20 minuti mantenendo umida la superficie trattata e quindi risciacquare abbondantemente con acqua e se necessario agire con una spazzola con fibre rigide (es. spazzola con fibre vegetali tipo saggina). In questo modo il legname tornerà come nuovo e pronto al trattamento antimuffa.
Stendere la Soluzione Canadese diluita 1:1, abbondantemente sulla superficie del legno utilizzando un rullo o un pennello (se le condizioni lo consentono il prodotto può essere anche spruzzato). E’ buona norma impregnare bene il legname cercando di bagnare in profondità sulle eventuali aperture del legno. La Soluzione canadese agisce ottimamente anche come preventivo all’attacco di insetti xilofagi. Il legname così trattato resterà inalterato nell’aspetto e nella capacità di assorbire gli impregnanti e le finiture Durga o una mano di cera liquida a finire (es. Encausto plus).




Mappa del sito - Cookie policy

Copyright © 2017 Durga
Prodotti naturali Durga s.r.l. - Produzione e sede legale: via dello stringaio 3 56043 Fauglia - loc. Acciaiolo (Pi)
Partita Iva: 02029990500 - Tel. 0586 1836172 - fax 0586 1831117
[angiolini]

top